Test Quad 96

  

Boma di costruzione asiatica suppongo, molto simile al Simmer Carbon e al RRD Slim/Aeron Slim risulta essere piacevolmente rigido e con un diametro oscenamente piccolo. I 24,50 mm di diametro assicurano una presa perfetta a chiunque, dalla ragazza di 40 chilogrammi a un peso massimo di 100 e passa chilogrammi.  La maniglia del boma è dotata di un riduttore integrato, molto comoda (perché non possiamo dimenticarla a casa né perderla) ma che necessita una decisa pressione per aderire ad alcuni alberi e permettere la chiusura. Il grip e morbido e resistente quanto basta mentre il terminale largo consente una regolazione ottimale di quasi tutte le vele wave. Dopo decine di uscite il boma in oggetto si è degnamente guadagnato l’appellativo di “salvauscite”. Complice la scarsa forma fisica di questo periodo il diametro ridotto di consente di gestire meglio le situazioni al limite assicurando sempre la migliore presa possibile al boma e ti regala 1-2 ore in più di surfate.

Equipaggiamento: ●●●●●●●●○○ Maniglia comoda con adattore integrato, facile da utilizzare e rigida. Terminale leggero con sistema loop&go.
Peso: ●●●●●●●●○○ 2.17 kg.
Livello costruttivo: ●●●●●●●●○○ Buona, con qualche piccola imprecisione estetica. Il terminale tende a scorrere agevolmente e non soffre particolarmente la sabbia.
Durata grip: ●●●●●●●○○○ Buona, decisamente meglio di al 360, perde dopo un po’ la serigrafia “superskinny”
Durata boma: ●●●●●●●●○○ Per ora ok
Comodità e presa: ●●●●●●●●●● Ottima
Rigità: ●●●●●●●●○○ Molto buona considerati i miei 100 kg. Termine di paragone rimane in ogni caso Al360 carbon.

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *